Feeds:
Articoli
Commenti

Fine dell’Anno e…

…di tutti gli Auguri inviati a destra e manca. Chi vuole ha il mio numero.

…di tutti i rapporti occasionali: di parole, di sorrisi, di promesse, di “ci vediamo domani…”.

…di tutte le volte che ho creduto che sarebbe potuto essere, e come al solito non è stato.

…di tutte le risate rubate ai ricordi.

…delle lacrime inutili.

…di tutti i messaggi di circostanza: a voce, per sms, per mail, per Skipe…

…di tutto il tempo che mi hai e mi avete rubato.

…di questa vita di merda, vorrei dire, ma poi qualcuno mi posterà commenti del cazzo, senza sapere un cazzo…

…delle attese vane, delle certezze perse, delle volte passate a percorrere chilometri inutili, dei variopinti tentativi di pulirsi l’anima solo per sentirsi apposto con se stessi, vero?

…dei saluti inventati, dei “ciao”, dei “dai, poi ne parliamo…”.

…delle strade da percorrere con il gusto della scoperta… rullino i tamburi… non c’è un cazzo da scoprire, e se anche ci fosse, sarebbe la solita scoperta del cazzo…

…delle gocce di Lexodan.

E infine, FINE di questo Blog.

Grazie a tutti e tutte per le parole, le risate, il gusto di avervi incontrato e perso senza nemmeno un gran motivo. Solo perchè forse doveva andare così. Grazie ai “Come”, ai “Quando”, ai “Però”.

Grazie a me stesso.

Buon viaggio a tutti.

La stufa del B&B...

 

Lago del Turano in Autunno...

 

Senza parole

 

Dick Sick in veste Palpatine... Che la Forza sia con Lui!

 

Il vecchietto di Rob...

 

Una vista meravigliosa...

 

Dick Sick gioca a fare Sampei e...

 

...pesca!

 

Il Nostromo ha avvistato...

 

Massi e il vecchietto di Rob...

 

Dick Sick, nel proprio splendore e.... rullino i tamburi.... finalmente la MIA SOCIA!

 

Lo spazio attorno al Lago

 

Un paesaggio dai colori incantevoli

Fatto (ap)pAsta

Tutto il resto sono chiacchiere… 22 uova di pasta fatta in casa per realizzare tortellini alla modenese, ravioli ricotta e spinaci, fettuccine e maltagliati… il tutto per giocare a sentirsi vivi…

Poi, le cose tornano quelle che sono, gli attimi si susseguono,

le risate svaniscono al chiudersi delle porte,

gli sguardi si celano in risvolti di voglie…

Domani è sabato e poi arriverà domenica.

Sbarcare il lunario

Ho avuto una splendida idea…. Potreste dire e chi se ne frega!… Ma sicuramente potrebbe essere un’idea che data la situazione economica dell’Italia, potrebbe aiutare anche tanti di voi a sbarcare il lunario…

E non pensate che sia un’idea fuori legge, tutt’altro, è semplicemente un’idea che risale al semplice e alla logica. Usata, non saprei bene dire per qale motivo, in tempi assai lontani, ma pur sempre valida e come si direbbe oggi: attuale.

L’idea è presto detta…. Non servono giri di parole ne tanto meno perder tempo in inutili ciancerie, eccola….

Me la sono dimenticata!

Buona notte

E se hai parlato, perchè hai parlato, se sei stato zitto, perchè non hai parlato… E se ridi, cosa hai da ridere, e se non ridi, perchè non ridi mai… Se sei triste, fattela una risata, se sei allegro non pensi a tutte le persone che stanno male… Se telefoni, stai sempre a cercare qualcuno, se non telefoni, possibile che non mi pensi, se dormi, mai che fai qualcosa di costruttivo, se sei sempre sveglio, vai a letto presto che non ti riposi mai. Se mangi, occhio che ingrassi, se non mangi, occhio che diventi anoressico, se guardi la tele, stai sempre davanti alla tivvù, se non guardi la tele, mai che ti documenti. Se ascolti la musica, sempre gli stessi cd. Se non ascolti la musica, almeno metti i tuoi cd. Se giochi al lotto, stai semrpe a spende soldi, se non giochi, ma come pensi di vincere?…

Se mi faccio i cazzi miei, non mi interesso degli altri, se vi chiedo come state, sempre a fatte i cazzi dell’altri.

Sapete che c’è?

Me ne vado a dormì!

Dovrebbe…

Se qualcuno scrive canzoni, è un poeta, se qualcuno regala una rosa, è un poeta, se qualcuno ti parla d’amore, è un poeta, se qualcuno fa del bene, è un poeta, se qualcuno disegna magistralmente, è un poeta… Mi dite come si chiama quello che scrive poesie?

Questa è la nazione dei geni, degli scrittori, dei musicisti, dei pittori, degli inventori… Insomma chi cazzo lavora davvero?

Non è più sopportabile sentirsi un dito puntato solo perchè si ha voglia di fare rumore controsenso. Lasciate che ognuno si esprima come può, lasciate che qualcuno si indigni contro chiunque serva, a suo dire, indignarsi, lasciate che raccontiamo, ognuno a proprio modo, la rabbia che ci pervade e se non vi va di starci a sentire, spegnete il pc o tornate a vedere il vostro Grande Fratello preferito.

Ammazza se rompete il cazzo!

Dedicato a Stefano, Cesira, Marco, Lucrezia, Giandomenico, Vittorio, Nicola, Umberto, Renzo, Riccardo, Viviana, Luisa, Lucia (nome del cazzo… fatti suora, no?), Danilo, Danila, Gennaro, Gioconda (puoi querelare i tuoi genitori per questo), Costabile, Tiziano, Federico, Matteo, Giulia, Giselle, Penelope e Michele. Soprattutto dedicato a me, claudicante nel mio essere.

Ma andate affanculo, Porco Dio! (cit.)